Sono sempre di più le richieste che ci arrivano, tramite mail e telefono, per avere più informazioni sull'elettromagnetismo e soprattutto sugli effetti dell'elettromagnetismo, adesso, non per merito nostro … possiamo dirvi qualcosa di preciso e sicuro!
Fortuna ha voluto che, tra i tanti acquirenti di strumenti per la misurazione del campo magnetico, ci fosse anche non un semplice appassionato ma un vero esperto del settore che, dimostrandosi anche una persona estremamente gentile, ha deciso di darci qualche certezza sull'argomento.
Chiaramente si tratta di una discussione che non può esaurirsi in poche righe, quindi, a nostro parere, la procedura corretta da seguire è quella di stabilire un punto di partenza, fatto di dati, misure e metodologie “ufficiali” e da qui partire, insieme a chiunque sia interessato, per sviluppare il tema e cercare d'imparare qualcosa di utile per la nostra salute.
Di seguito troverete il primo contributo del professor Bersani:
“Considerazioni sull'impatto sanitario delle radiofequenze”, integrato dalle risoluzioni in materia dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa e dalla comunicazione ufficiale sull'argomento dell'AIRC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro).
Siamo certi dell'interesse di molti appassionati ma saremmo molto più contenti se l'argomento coinvolgesse anche persone che fino ad ora non avevano dato molto peso all'argomento, chiunque vorrà contribuire alla discussione, anche solo per curiosità, sarà il benvenuto.
Per facilitare il dialogo questa pubblicazione verrà inserita, oltre che sul sito, anche sulla nostra pagina facebook, dove aspettiamo i vostri contributi.
Per finire questa presentazione vorremmo ringraziare il prof. Fausto Bersani Greggio poiché, per quanto fossimo interessati all'argomento ... mai saremmo stati in grado di svilupparlo da soli.
 
Ethikasolution
 

Prof. Fausto Bersani Greggio

docente di Fisica 

consulente fisico di Federconsumatori - Adoc - Adiconsum della Provincia di Rimini.

 

CONSIDERAZIONI SULL’IMPATTO SANITARIO DELLE RADIOFREQUENZE

Il 31 maggio 2011 l'OMS/IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro facente capo all’Organizzazione Mondiale della Sanità) ha incluso i campi elettromagnetici (CEM) prodotti dalle radiofrequenze tra i possibili CANCEROGENI per l'uomo. Le tecnologie prese in esame (v. ALLEGATO 1) non si sono limitate alla telefonia cellulare ma, in generale, sono stati valutati tutti i sistemi cosiddetti "wireless" che utilizzano radiofrequenze e microonde. Il documento conclude la disamina richiedendo la necessità di ulteriori approfondimenti scientifici e l’adozione di misure pratiche atte a limitare le esposizioni della popolazione segnalando, in precedenza, come i principali utenti di queste tecnologie siano i soggetti appartenenti alla popolazione giovanile.

Qualche giorno prima della pubblicazione del documento della IARC, l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa votò la Risoluzione n.1815 (27 Maggio 2011). In essa si auspica che i paesi membri, attraverso una collaborazione fra i diversi ministeri (educazione, ambiente e salute), intensifichino l’attività specifica di informazione diretta a insegnanti, genitori e alunni per allertarli sui rischi relativi all’utilizzo precoce, sconsiderato e prolungato di cellulari e altri dispositivi elettronici che emettono microonde; per i bambini in generale, ed in particolare nelle scuole e nelle classi, sarebbero, ad esempio, preferibili le connessioni internet cablate, come già avviene in paesi come Austria, Germania, Francia, Canada. Inoltre, in relazione all’uso privato di telefoni mobili, telefoni DECT (cordless), WiFi, WLAN e WIMAX per computer ed altri dispositivi wireless come i BABY PHONES, si consiglia di fissare soglie preventive per l’esposizione a lungo termine alle microonde, in tutti gli ambienti interni (indoor), in accordo con il Principio di Precauzione, che non superino gli 0,6 Volt/metro e, nel medio termine, ridurre questo valore a 0,2 V/m, valori nettamente inferiori a quelli previsti dal DPCM 08/07/2003 (G. U. n. 199 del 28 Agosto 2003).


ALLEGATO


Se siete arrivati a leggere fino a questo punto l'argomento dovrebbe aver suscitato in voi un certo interesse ... siamo in attesa dei vostri commenti, l'importante è parlarne e riuscire ad avere qualche informazione in più!. 


Di seguito ci sono altri due contributi, uno recentissimo relativo ad una lettera aperta al nostro governo sottoscritta da 72 medici, fisici, docenti e ricercatori che prendendo spunto dalle ultime pubblicazioni sollecitano una maggiore attenzione nei confronti delle principio di precauzione.

L'altro riguarda il volantino elaborato dal Prof. Fausto Bersani Greggio, consulente della Federconsumatori della provincia di Rimini con una serie di rapidi suggerimenti da applicare durante le esposizioni più comuni ai campi elettromagnetici.

 

 


Visita le nostre categorie